In quel di via del Borgo di San Pietro 22, presso lo spazio Kilowatt, Giovedì 15 gennaio si è tenuto il primo meeting organizzato dai ragazzi di Aelion Project. Originario della ridente località di Guardiagrele, Jacopo, fondatore e presidente della società, vive a Bologna con tutta la crew di Aelion, dove ultimamente sta lavorando molto, collaborando con organizzazioni tra cui citiamo: Festival come roBOt Flussi, il gruppo Frame e la partecipazione ad eventi come Music In The Park 2014, l'estate Kilowatt ai Giardini Margherita (durante la quale è stata realizzata la splendida opera The Lion is Back), passando per contest a Roma, Chartres e performance a Marrakech. No, non abbiamo a che fare con ragazzi pigri.

L'atmosfera del CreativeSpaceLab era particolarmente stimolante e nerdosa. Ingegneri elettronici bevevano Spritz con ghiaccio e brindavano assieme a fan accaniti di Life and Death vestiti in total black con tanto di felpa con logo dell'uccellino morto. Abbiamo avuto il piacere di conoscere un ragazzo che suona in un Soundsystem Reggae, il quale ci ha spiegato con quanta cura e dedizione il gruppo monti e smonti ogni volta il loro impianto, ad ogni esibizione. Dicono che i bassi di un Soundsystem Roots Reggae colpiscano lo stomaco più dei jab Hokuto di Kenshiro. Dicono inoltre che ci siano impianti artigianali, posseduti da certi guru, la cui qualità sia insuperabile, incredibilmente superiore a quella degli impianti industriali, tuttavia questi impianti sono pochissimi e rari da trovare in tutto il mondo, bisogna conoscere profondamente la Roots Reggae per andare agli eventi giusti, nei quali si possano trovare impianti di questo tipo.

La location era molto adatta alla situazione. Lo spazio è la sede della Società Cooperativa Kilowatt, la quale si occupa di accelerazione d'impresa, progetti multimediali, corsi di Project Management, eventi che promuovano lo sviluppo tecnologico e sociale. Il tutto, seguendo il principio della condivisione dello spazio di lavoro, il cosiddetto coworking. In parole povere, ragazzi creativi che condividono il luogo di lavoro, approfittandone per imparare da chi gli sta vicino, dare consigli e conoscere persone che lavorino in un settore vicino al tuo, ingrandendo il network di contatti e migliorando l'abilità nel lavorare di squadra.

Tra Dj, Vj, Musicisti, Ingegneri elettronici, smadonnamenti per il lag della CPU durante il check, birrette e tramezzini, si arriva alla presentazione dell'evento.
Jacopo ha spiegato come il duplice scopo del laboratorio sia quello di fornire un'occasione ai partecipanti per conoscere ragazzi che lavorino con le stesse passioni, cogliendo al volo l'occasione da una parte per fare nuove conoscenze, dall'altra per rafforzare quelle già esistenti, come andrà ad accadere durante la performance live. Difatti, I ragazzi di Aelion Project sono affiancati dal duo Switch, composto da Light Minded e Spong-X, che si occuperà della parte sonora dello show. Parliamo ora concretamente dell'esibizione.

Il visual inizia con figure geometriche che si ripetono modularmente, dando forma a flussi di immagini in 3D. I colori sono minimali, scale bianche, grigie e nere. Su una linea coerente con quanto appena descritto attacca il suono, tetro e scarno, evoca codici binari e teorie astratte.

Le figure generatrici si susseguono in un crescendo che culmina nel cambiamento del soggetto: una sorta di chiocciola si presta ad essere scomposta e ricomposta dalle falangi di Jacopsen, mentre Kiff controlla le luci di sottofondo e lo schermo dall'esterno, per essere sicuro che non sgrani e che tutto vada per il meglio (il classico soundcheck tra Dj, riclassificato videocheck tra Vj). L'unione tra i video magnetici, il suono cavernoso, inedito ad opera del duo Switch crea un'atmosfera a metà tra il sinistro ed il fascino del digitale, non immediatamente percepibile agli spettatori più impazienti.

Il risultato è un applauso fragoroso da parte dei presenti alla fine del set, durato un'ora e mezza (come ho detto, non è semplice entrare nella mentalità giusta per comprendere uno show del genere).

Abbiamo conosciuto nuove persone, ci siamo divertiti e ci siamo goduti un viaggio audio-visivo tra le frequenze digitali ad opera diAelion Project e Switch.

Eventi di questo tipo vanno incoraggiati, perchè è in così che nasce la vera cultura, autentica in quanto derivata da un contatto umano autentico.

Ben fatto!

On Thursday, January 15th, in Via del Borgo di San Pietro, we attended to the first meeting organized by Aelion Project crew. Hailing from Guardiagrele, Jacopo is the founder and president of the company. They actually live in Bologna, where they are having the chance to work a lot with several groups, both local and external: roBOt and Flussi festival, Frame, events such as Music in the Park 2014, summer at Kilowatt-Giardini Margherita (where they presented the marvellous work The Lion is Back), going through Videomapping Contests in Rome and Chartres (FR) and performances in Marrakech. No, we're not dealing with lazy guys.

At the CreativeSpaceLab, the atmosphere was particularly nerdy and exciting. Electronic engineers were drinking Spritz with ice and cheering enjoying the company of core Life and Death's fans, together with their total black clothes and white logo of the dead bird on the hoodie. We met a musician who was part of a Reggae Soundsystem, who carefully explained us how his group is assembling and dismantleing their handmade soundsystem, every gig they attend to. They say low frequencies hit harder than Ken Shiro's Hokuto jabs. They also say that some handmade soundsystems present such a high quality that will never be replied by any of the Industrial ones, however, there are just a few of these soundsystems allover the world, and you really have to know Roots Reggae to attend to the events where these soundsystems can be found.

Coming back to the CreativeSpaceLab, the location was akin to host such a situation. The space is the headquarter of the Cooperative Company Kilowatt, which is working as a Start-up accelerator, multimediaProject Management teachings. All of these activities are carried out with the coworking philosophy. Coworking concept is based on collaboration between creative people who choose to set up their office in the same area. People who work there take advantage by sharing the space with other people who usually share the same jobs, interests or hobbies, widening their network and improving the team-working ability.

After more or less two hours between Djs, Vjs, Musicians, Electronic Engineers, swearings for the CPU's lag, beers and Tramezzino Sandwiches, the event is finally presented.

Jacopo explained the double aim of CreativeSpaceLab: creating a chance for the attenders to meet other people and consolidating already established contacts. Indeed, Aelion Project will play together with  the Switch dual, composed by Light Minded and Spong-X, which will take care of the sound part of the show. Let's now concretely move to the exhibition!

Visual starts with geometrical polygons which modularly repeat themselves, creating 3D-fluxes of figures. Minimal colours, white, gray and black tones. Coherently with the colours the sound is dark and gloomy, bony and bare, evoking binary codes and abstract theories.

Creator images which follow keep growing and moving, culminating with the switching of the subject: a kind of snail is now ready to be plugged, unplugged, mantled and dismantled, twisted and retwisted by Jacopsen's phalanxes, while Kiff checks the background lights and the visual panel to make sure that everything's working properly (since djs call it continuous soundcheck, vjs probably call it videocheck?). The fusion between magnetic visuals and the cavernous and inedit sound by Switch makes the atmosphere a halfway between creepy and digital fascinating, not easy to feel for the more impatient audience.

The result is a loud and long clap by the people who kept waiting until the end of the performance, which lasted one hour and a half (as I said, it's not easy to enter in the right mood and understand the logic behind a show like that one).

We met new people, we had fun and we enjoyed an audiovisual trip through digital frequencies, thanks to Aelion Project and Switch.

This kind of events has to be encouraged, because this is how real culture is created, authentically, because raised by an authentic human contact.

Well done!

 

 

 

 

Abbiamo partecipato all'incontro organizzato dalla crew AelionProject. Ambiente accogliente, gente interessante ed interessata, live intrigante. Vince e convince!

 

Trici Venola's story, ex digital painter who moved to Turkey to represent Istanbul's typical people and atmospheres, simply utilizing pencil and paper.

 

 

Trici Venola a couple of years ago in Istanbul

Creativespacelab#01: un giovedi' sera tra mapping e live sperimentali

 

/a thursday night spent between visuals and sperimental live sets

 

 

We attended to the meeting organized by AelionProject crew. Warm location, interesting and interested people, intriguing live set. We will be back for sure!

 

jacopsen, light minded and sponge-x performing at Creativespacelab#01


 

 

 

 

Aelion Project crew:

Associates: Jacopo Di Crescenzo, Giuseppe D'Alessio, Albano Sciarretta, Vincenzo Millemaci

Co-worker Associates: Gianvito Greco, Carlo Virtù, Dorsa Masghati, Luigi Palumbo

 

Switch crew

 

Roberto Affuso, Roberto Roberti